mercoledì 18 luglio 2012

El filósofo italiano Gianni Vattimo participa en congreso en Medellín

El filósofo italiano Gianni Vattimo participa en congreso en Medellín

 17/07/2012 22:53. Teleantioquia Noticias 

Il video dell'intervista

The Academy of Latinity: For a new humanism

(photo: Wang Jing)
Ceasefire magazine, 16 July 2012

Santiago Zabala reports from the Beijing conference of the Academy of Latinity. In a global era when humanity seems to have lost its self-esteem, Zabala writes, the call for a new humanism capable of facing existential annihilation is not only necessary but also urgent.  

Beijing, China— For over a decade the Academy of Latinity has been making a unique contribution against philosophical, political, and religious uniformity that no other institution or establishment can match.
The latest conference took place at Beijing Tsinghua University at the end of May to discuss “Humanity and Difference in the Global Age.” The theme and location of the conference were chosen once again by the distinguished Brazilian intellectual Candido Mendes, the creator and promoter of the meeting series.
The conference was attended by academics and students from all over Asia interested in the profound contributions its participants offered in this twenty-fifth iteration. The program included talks by Susan Buck-Morss, Yang Huilin, and many other prominent intellectuals.
Before exploring the conference’s main highlights, we should recall how this academy was created in 1999 and why it’s so important also for the dialogue with Islam. The Academy’s aim is to promote conferences and publications in favour of a new humanism to overcome the cultural, economical, and linguistic imbalances that result from globalisation’s unjust distribution of knowledge and information.
Balance, according to the founding members (among others, Carlos Fuentes, Gabriel García Marquez, Candido Mendes, Edgar Morin, Jose Saramago, and Gianni Vattimo) can be reestablished through Latinity’s common unita multiplex, that is, the different interpretations that constitute the participants’ background.
When the members met for the first time in 1999 they established that the Academy, in order to function independently, had to become a sui generis institution without governmental support, that is, free of political constraints. The resources of the Academy come from donations and subventions granted by international and national institutions interested in the Academy’s intellectual focus on human dignity as the basis of freedom and democracy.
In a global era when humanity seems to have lost its self-esteem, the call for a new humanism capable of facing existential annihilation is not only necessary but also urgent. For this reason the Academy is represented by the sign of the pomegranate: a fruit that indicates the possibility of renovation through its incorporated seeds and also multiplicity, universality, and, most of all, diversity. As the executive secretary of the Academy, François L’Yvonnet, points out,
“We are actors of a form of diplomacy of thought, a diplomacy of open seas that goes to meet the other who is at the other shore, in a shared refusal of the fatality of an announced world, that of the exclusive kingdom of the fortunate and the powerful. The colloquia of the Academy of Latinity are proportionate to this requirement of the spirit, they give body and life to a true challenge: that of the difference.”
Such diversity is not only thought at the academy but also practised. Its meetings (every six months) take place in different cities and with new participants who share the Academy’s aversion to all sort of cultural discrimination.
This is why after the unjustifiable terrorist attacks of 9/11 and the West’s violent response, the Academy decided to meet in Alexandria (2004), Amman  (2007), and Rabat (2008) in order to intensify its exchange with Islamic culture. These conferences (in which Jean Baudrillard, Boutros Boutros-Ghali, and Alain Touraine also participated) demonstrated how the intellectual exchange between Latinity and Islam creates the basis for a better understanding of Islamic heritage and of the  opposition common to both Islam and the West to the imperial politics of fear that always considers the other or the different an enemy.
At the Beijing conference, the Academy’s “diplomacy of thought,” that is, the thought and practice of difference, was fully realized. Among the many themes discussed particular attention was devoted to the way Chinese intellectuals ought to react to Western cultural imperialism now that we have entered the so-called Dragon Century.
In order to respond to this question it is first necessary to acknowledge, as Wang Ning explained, that even though there has been a strong “Europeanization” or “Westernization” of Chinese culture since the beginning of the twentieth century through a “large-scale translation” of foreign texts, China’s is not a culture that can be “colonized.”
We are dealing here with two completely “different differences.” This is probably why He Xirong emphasised that we ought to remember the ontological distinction between Chinese and Western modes of thinking: while the first emphasises synthesis, induction, and circles, the second uses analysis, clarity, and linearity.
The Chinese civilisation is made of not only different logics, ethnics, and languages but also many “multicentric modernities” within its own boundaries. The geographical differences between Shanghai and Beijing must also include the profound cultural differences between them.
In sum, that today there “is an unbalance in China’s cultural and literary translations” is attributable to the “fact that Chinese people know much more about the West than Westerners know about China” and also arises because “Chinese culture is still in a position of marginality.”
At the conference we all agreed that this position must be restored not because of China’s new economic supremacy but rather in favour of the new humanism the Academy is committed to constructing.
While some participants, in particular Walter Mignolo, consider decolonization a fundamental stage of this new humanism, others, such as Gianni Vattimo, prefer to focus on the hermeneutic nature of (Western) philosophy in order to better understand the Chinese mode of thinking, a mode of thinking, as our Chinese colleagues explained, that seeks “common grounds while keeping differences.”
It is in this spirit of difference that the Academy’s next conference will take place in Oman, where its pomegranate symbol will once again seek to renovate humanism once again through its own incorporated seeds.

Santiago Zabala is ICREA Research Professor of Philosophy at the University of Barcelona. He is the author of The Hermeneutic Nature of Analytic Philosophy (2008), The Remains of Being (2009), Hermeneutic Communism (2011, coauthored with G. Vattimo), editor of Weakening Philosophy (2007), The Future of Religion (2005), Nihilism and Emancipation (2004), Art's Claim to Truth (2009), and co-editor with Jeff Malpas of Consequences of Hermeneutics (2010). Zabala also writes opinion articles and reviews for the New York Times, Al Jazeera, El Pais and other international journals.

Ma non è nella natura che si scopre il divino

Ma non è nella natura che si scopre il divino

La Stampa, 5 luglio 2012
di Gianni Vattimo
Sarà pur vero che l’evento - solo cosi lo si può chiamare - che ha rotto la quiete uniforme del «tutto» prima della nascita delle cose ha avuto un peso decisivo nel prodursi di quella differenziazione di particelle da cui e’ cominciato, per ciò che ne sappiamo, il corso dell’evoluzione di cui, bene o male che sia, noi siamo per ora il punto di arrivo. Ma parlare del bosone di Higgs come se fosse Dio è davvero un po’ troppo. Non perché si tratti di una bestemmia («Dio bosone» è sicuramente un’espressione che fino a oggi non era venuta ancora in mente a nessun ateo blasfemo, per quanto dotto e accanito). Semmai, esprime un atteggiamento mentale che non ha più quasi alcun ascolto presso teologi, filosofi, uomini di fede. Riflette infatti la convinzione che Dio si possa in qualche modo scoprire in questo o quell’ aspetto della natura. Ma da quando Gagarin, spedito nel cosmo con la navicella, ovviamente atea, dell’Urss ha potuto esplorare il cielo senza trovare Dio, questa aspettativa «positivista» ha perso ogni senso, se mai ne ha avuto uno. Le cinque vie classiche di San Tommaso - quelle che «dimostravano» l’esistenza di Dio a partire dal mondo, di cui Dio sarebbe la causa prima o il motore ultimo - erano bensì molto più sofisticate dell’ ingenuo ateismo di Krusciov; ma anche loro hanno resistito poco all’affermarsi progressivo del convenzionalismo scientifico moderno. Ormai attribuiamo solo all’uomo primitivo - quello per il quale il tuono o il fulmine sono opera di un qualche soggetto supremo l’idea che il mondo materiale debba essere stato prodotto da una volontà originaria ritenuta onnipotente. San Tommaso stesso osservava che dal punto di vista di Aristotele sarebbe stato molto più razionale pensare al mondo come eterno. Se no come avrebbe potuto, una volontà perfetta e sottratta al divenire, e cioè immutabile, decidere, a un certo punto, di crearlo? Il racconto della creazione è un contenuto della fede, cui si crede (chi ci crede) come a un mito fondatore della nostra esistenza individuale e sociale che accettiamo perché sentiamo che senza di esso perderebbe ogni senso ciò che pensiamo e facciamo. Ma quanto a parlarne in termini di scienza fisica non ci prova ormai più nessuno.

Se anche dobbiamo pensare che il bosone di Higgs non c’entra niente con Dio, è però vero che scoperte come quella di oggi hanno un potente riflesso sulla nostra vita, sulla visione del mondo, dunque anche sulla nostra religiosità. E’ una specie di effetto che possiamo solo chiamare «neutralizzante» rispetto alla nostra storia vissuta. Come confrontare i pochi millenni della storia della specie umana con gli sterminati orizzonti delle ere geologiche, del formarsi del cosmo fisico e, appunto, con i minuti seguiti al big bang. La scienza moderna, del resto, si è formata anche e soprattutto criticando il racconto della Genesi, anzitutto contestando il geocentrismo biblico (ricordate il Galileo di Brecht, che ispira a molti l’idea che tutto ormai sia permesso). E ciò non solo per la sconsiderata volontà delle autorità religiose di difendere una cosmologia «rivelata» che veniva progressivamente dissolvendosi; ma anche e soprattutto perché, effettivamente, non era e non è facile pensare alla nostra storia umana in termini di storia della salvezza o anche solo, in termini laici, come storia della civilizzazione, e insieme alla nostra posizione nel cosmo, un battito d’ali di farfalla destinato a durare un attimo e a essere inghiottito dal silenzio cosmico. L’ostinazione con cui la Chiesa ha sempre tentato di contrastare la cosmologia moderna e il suo spirito illuministico riflette la preoccupazione, non così irragionevole, di conservare un senso alla storia umana - e dunque all’etica, alla politica, alla società - di contro al senso nichilistico, leopardiano, suscitato dal sentimento dell’infinito cosmico. Non c’è un’uscita consolante e pacificante da questo dilemma. Noi siamo - storicamente - quell’umanità che ha anche scoperto, se cosi è, il bosone di Higgs; ma questa scoperta è un momento della nostra storia. Non è una constatazione risolutiva, ma è con questa condizione duplice, librata tra storia e natura che dobbiamo fare i conti. 

martedì 17 luglio 2012

Tre petizioni per la Biblioteca Pisa, l'appello contro la chiusura

Sottoscritte oltre tremila firme per chiedere di riportare all'interno del palazzo della Sapienza la sede della storica biblioteca universitaria. 

Tra i firmatari anche Salvatore Settis, Gianni Vattimo e Adriano Prosperi

La Repubblica - Firenze, 24 giugno 2012
Tre petizioni per salvare la Biblioteca universitaria di Pisa, dopo la chiusura per problemi di staticità dello storico edificio della Sapienza, sottoscritte da oltre tremila persone che chiedono di riportare all'interno del palazzo, una volta restaurato, la sede della storica biblioteca che ospita circa 600 mila volumi. Tra i firmatari vi sono anche esponenti di spicco del mondo della cultura, da Adriano Prosperi, a Salvatore Settis a Gianni Vattimo.

"Nessuna presa di posizione ufficiale in merito si registra da Rettorato e Comune - denuncia in una nota la neocostituita associazione Amici della Biblioteca universitaria - ed è disarmante il confronto con la biblioteca padovana di palazzo Maldura, chiusa per il terremoto ma che ha ripreso già da dieci giorni diversi servizi al pubblico. A Pisa invece, ogni attività è congelata e l'accesso è vietato, almeno nominalmente, perfino agli addetti".

Vivisezione, gli eurodeputati IdV scrivono a Monti, Fini e Schifani

Sassari Notizie, 27 giugno 2012
BRUXELLES. “L'Italia dica No alla vivisezione”. Lo chiedono gli eurodeputati IdV Niccolò Rinaldi, Giommaria Uggias, Gianni Vattimo e Andrea Zanoni con una lettera indirizzata al presidente del Senato Renato Schifani, al Premier Mario Monti, al presidente della Camera Gianfranco Fini e ai presidenti della XIV e XII commissione del Senato, alla vigilia del voto dell’art. 14 della legge comunitaria 2011 riguardo i criteri e i vincoli di recepimento della direttiva 2010/63/UE sulla sperimentazione animale. “L’Italia ha l’occasione di rimediare agli errori commessi in sede europea e di interpretare il sentimento della stragrande maggioranza degli italiani”, si legge nella lettera. La Direttiva Ue 2010/63/UE, osteggiata in sede di votazione al Parlamento europeo dai deputati IdV, fissa le regole per la sperimentazione animale ma non la vieta. “Riteniamo che vi siano concreti margini per migliorare questo testo e inserire importanti restrizioni al recepimento della direttiva – scrivono gli Eurodeputati IdV - quali il divieto di allevamento, esportazione, movimentazione, detenzione, commercio e vendita di animali in via di estinzione, primati non umani, cani e gatti destinati alla sperimentazione e l’obbligo di ricorrere a metodi o strategie di sperimentazione che non comportino l’uso di animali”.

L'effetto immediato sarebbe la chiusura del canile lager di Green Hill (Montichiari, Brescia) già oggetto di un'interrogazione alla Commissione europea da parte di Zanoni. “La Direttiva Ue fissa degli standard ma ogni Stato membro può andare ben oltre – spiegano i deputati –. Per questo chiediamo all'Italia di inserire nel testo di legge tutta una serie di provvedimenti che vadano nella direzione del superamento di questa barbara e desueta pratica e dello sviluppo di metodi alternativi che non prevedano il sacrificio di poveri animali”. “L’Italia oggi ha l’occasione di lanciare all’Europa una sfida etica e di civiltà. È un’occasione importante che abbiamo il dovere di non sprecare”.

È Topolino il filosofo del relativismo

I limiti delle posizioni contrapposte di Ferraris e Vattimo sul pensiero postmoderno
Modellare il reale in forme diverse non è un peccato bensì un dovere della ragione
Giulio Giorello, Il Corriere della Sera, 24 giugno 2012
Giulio Giorello
Come è morto Ramsete II? Di tubercolosi, dicono gli esperti delle varie discipline che scandagliano il pozzo del passato. Niente affatto, ribatteva il «sociologo della conoscenza» Bruno Latour circa una decina di anni fa: il bacillo responsabile di quella malattia (Mycobacterium tubercolosis) è stato scoperto solo nel 1882 da Robert Koch. Maurizio Ferraris, nel recentissimo Manifesto del nuovo realismo (Laterza), commenta sarcasticamente che «se la nascita della malattia coincidesse con la sua scoperta, si dovrebbero sospendere immediatamente tutte le ricerche mediche, perché di malattie ne abbiamo più che a sufficienza». Ma il bacillo di Koch uccideva prima e può continuare a uccidere anche dopo che è stato individuato, proprio come, indipendentemente dalla consapevolezza dei chimici che l’acqua è un composto di idrogeno e di ossigeno, questa sostanza comunque bagna «e io non potrò asciugarmi — ci dice ancora Ferraris — con il solo pensiero che l’idrogeno e l’ossigeno in quanto tali non sono bagnati».
Questa è la tesi del Manifesto: «Non si può fare a meno del reale, del suo starci di fronte. Se c’è il sole, la sua luce è accecante; se la lasciamo troppo sul fuoco, la caffettiera scotta. Non c’è alcuna interpretazione da opporre a questi fatti: le uniche alternative sono gli occhiali da sole e le presine». Insomma, la realtà con cui facciamo i conti, sia nell’impresa tecnico-scientifica sia nell’esistenza quotidiana, è una sorta di «reale che non ha voglia di svaporare in reality».
Un grido di dolore non meno accorato si leva da un altro odierno manifesto, Democrazia! (con tanto di punto esclamativo), per la penna di Paolo Flores d’Arcais (Add editore). Solo se manteniamo lo scarto tra cose e parole, possiamo smascherare l’«alchimia» creata dalla propaganda: «La lotta politica per la democrazia e la lotta filologica per il significato della parola sono terreni diversi dello stesso scontro», dichiara Flores, che teme l’arroganza di qualsiasi Grande Fratello. Né vale ribattere che «non ci sono fatti, ma solo interpretazioni», almeno quando si ha a che fare con l’acqua che bagna o con i bacilli che minacciano la nostra salute… Ma che dire quando in gioco sono espressioni come buon governo, virtù politica o democrazia?
Per difendere il nostro patrimonio di significati c’è davvero bisogno di un’idea «forte» di verità? Per esempio, occorreva già qualcosa del genere per opporsi ai totalitarismi del Novecento o ce n’è urgenza oggi contro i vari dittatorelli del Medio Oriente, o contro l’ancor più subdolo dispotismo di democrazie in via di avanzata decomposizione? Non basterebbe la tenace volontà di non cedere mai, ovvero la decisione di resistere a qualunque potere che si spaccia per irresistibile?

La questione non è puramente accademica. Un conto sono le verità di «puro buon senso», come direbbe il Kit Carson amico di Tex Willer, o le stesse affermazioni della scienza, un conto la Verità (con la maiuscola), quella invocata, per esempio, da tutti coloro che si sentono assolutamente convinti del «fatto» che Dio starebbe dalla loro parte. Non potrebbero emergere così forme di dominio ancor peggiori di quelle che in nome della fede si vorrebbero abbattere?
Proprio per questo Gianni Vattimo non risparmia le varie manifestazioni di «nevrosi fondamentalista che percorre la società tardo-industriale», tra le quali include il realismo filosofico, che per lui è solo una «possibile ideologia della maggioranza silenziosa», come scrive nel suo Della realtà (Garzanti).
 La disputa, non solo italiana, finisce con l’investire i territori elusivi della politica e dell’etica. Per questo essa non si riduce a mere contrapposizioni personali. Il «nuovo realista — precisa Ferraris — non si limita a dire che la realtà esiste», ma insiste sulla tesi che «non è vero che essere e sapere si equivalgono». Il suo avversario potrebbe ricorrere, a questo punto, a Paul Feyerabend (un pensatore che Vattimo ben conosce), piuttosto che ai soliti numi del postmoderno, come Lyotard o Baudrillard, per i quali il reale si sarebbe ormai dissipato come fumo virtuale. Invece, è proprio il realismo che porta acqua alla tesi per cui nell’avventura umana — e non solo nella dinamica della conoscenza scientifica — emergono schemi di pensiero «incommensurabili», in cui cose e parole variano radicalmente di significato. Noi definiamo, infatti, il valore di qualsiasi oggetto dal suo uso, e la portata di un concetto o di un nome dall’impiego linguistico che ne facciamo. Feyerabend l’ha mostrato trattando di come la nuova scienza della natura di Galileo spazzò via l’opposizione degli aristotelici o di come la «sovversiva» fisica quantistica mandò in pezzi la costellazione dei pregiudizi dei fisici più legati alla tradizione. Ma è anche stato estremamente abile nello sfruttare il patrimonio di esperienze e informazioni che ci vengono dal lavoro degli antropologi.
Qui in poche righe non possiamo addentrarci nei dettagli. Ci limitiamo allora all’apologo narrato da Merrill de Maris (sceneggiatura) e Floyd Gottfredson (soggetto e matite) per la Walt Disney, Il selvaggio Giovedì (1940) — che il lettore del «Corriere» ha avuto modo di apprezzare negli allegati «Gli anni d’oro di Topolino» (2010). In breve, i nervi del nostro Topo sono messi a dura prova da Giovedì, capitatogli in casa per sconvolgere l’uso abituale di cose e termini. Così, il preteso «selvaggio» scambia la pelliccia leopardata di una superba dama per l’animale vero e proprio e non esita a colpire con la sua lancia le prosperose natiche della signora. Per non dire che impiega vetri, penne, matite, ciabatte, eccetera in modi nuovi ma a lui perfettamente funzionali.
 In questo modo, la lancia di pietra del selvaggio Giovedì non solo mostra quanto convenzionali e fragili siano alcuni dei nostri più consolidati valori, ma manda in pezzi… anche le tesi opposte dei due miei cari amici, Vattimo e Ferraris. Se è vero che essere e sapere non coincidono, che questo scarto è una delle più forti molle per l’innovazione nella scienza e nell’arte e che tutto lascia aperta una via di scampo nel mondo stesso della politica, cercare schemi concettuali «incommensurabili», escogitare usi e dunque significati nuovi, modellare in maniere differenti il reale che pure così ostinatamente ci resiste, non è un peccato bensì un dovere della ragione, una genuina esperienza di libertà, che vale più di qualsiasi imbalsamata «verità».

Gianni Vattimo (Europarlamentare IDV): “Grillo? Ha ragione su Israele e l'Iran”

"Grillo? Ha perfettamente ragione su Iran e Israele. Io vorrei che Ahmadinejad si facesse finalmente la sua atomica, che sarebbe un elemento di stabilità per il Medio Oriente. Israele ce l'ha, è un problema di equilibrio. Non è un dittatore, è eletto come gli altri. Non è uno schifoso, è una persona perbene che fa una politica diversa da quella degli Stati Uniti sostenuta da Israele. Io lo appoggio totalmente".

Lo dice alla Zanzara su Radio 24 l'europarlamentare dell'Idv Gianni Vattimo, a proposito dell'intervista rilasciata da Beppe Grillo a un quotidiano israeliano. Vattimo va a ruota libera su Israele, Iran e Stati Uniti. "Sull'impiccagione in Iran di cui parla Grillo - dice per esempio Vattimo  - e sulla pena di morte negli States ha ragione lui al cento per cento: fino a 300 anni fa il Vaticano sosteneva la pena di morte, la pena di morte in Iran è solo un altro tipo di legislazione.

Lo stato di diritto? E perché esiste in America dove vince chi ha più soldi? Aprite gli occhi. La più grande democrazia del mondo? Ma di cosa parliamo, mi metto a ridere. In America c'è una schifezza non una democrazia". Grillo ha parlato anche di informazione in Occidente ‘guidata' da un'agenzia israeliana, chiedono i conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo.

ahmadinejad"E anche qui ha ragione - risponde Vattimo - perché quello che noi sappiamo su Israele e Palestina, Iran e Siria è filtrato da un'agenzia internazionale con dietro un ex agente del Mossad: mi fate vedere per favore la famosa lesbica siriana, che era un signore pagato da qualche servizio segreto? Se intervenissimo in Siria faremmo l'ennesima porcata. Questi ribelli che spuntano così chi cavolo li arma? La Cia, ne avete mai sentito parlare?". Poi Vattimo parla del governo Monti.

"In Egitto i Fratelli Musulmani hanno vinto e sono contento - dice alla Zanzara - se l'alternativa era l'esercito. Meglio i Fratelli Musulmani di Monti? Almeno lì ci sono state le elezioni perchè almeno li c'è stata una votazione, la democrazia. Monti invece è solo un emissario delle banche mondiali. Sono contenti anche gli israeliani che ci sia lui a governare, essendo un governo che più capitalista non si può. Diciamolo chiaramente: fa la stessa politica di Berlusconi ma la fa più seriamente, è meno vergognoso ma molto più pericoloso perchè non si vede come si possa scalzarlo, è sostenuto da tutti".

Dagospia, 26 giugno 2012

Giornate della laicità 2012, relativismo/assolutismo

Iniziativa laica
Dialogo tra Gianni Vattimo e Nuccio Ordine